Appuntamenti

 
 

Alla scoperta dell'Isola che non c'e

 

Inizio 24/03/2012 fino al 24/03/2012
Ha debutato ieri al teatro del Conservatorio dove replicherà anche oggi Peter Pan il musical, un viaggio alla scoperta dell'isola che non c'e!

 

 

Un volo sopra il Big Ben, un volo nella fantasia, nei ricordi d'infanzia, nei sogni.. perchè nei sogni si può celare la migliore delle realtà!
Il grigio fumo di Londra avvolge la sala con i suoi spettatori accorsi numerosi ieri sera a scoprire qualche cosa di più sull'isola che non c'è..


Peter Pan il musical tratto dal romanzo di J.M. Barrie approda a Cagliari al teatro del conservatorio; 2 ore di intenso spettacolo accompagnato dalle note delle canzoni di Edoardo Bennato tratte dall'album "sono solo canzonette", e riadattate per l'occasione, consentono al pubblico di scoprire ed esplorare l'isola che non c'e.. ma in realta dov'è l'isola che non c'e?

"Seconda stella a destra:
questo è il cammino
e poi dritto

fino al mattino.

Non ti puoi sbagliare perché
quella è l'isola che non c'è"

E cosi accompagnati dalla ferma mano di Peter Pan,  interpretato da un bravissimo Manuel Frattini, ci immedesimiamo in Wendy (la bravissima Marta Rossi, innovativa dando un aria di freschezza e impacciato romanticismo al suo personaggio) Michael e John, e voliamo all'espolorazione di un luogo incantato..
E minuto dopo minuto non si può non provare simpatia per un bravissimo Pietro Pignatelli nei panni di Capitan Uncino, ironico, simpatico e a tratti tenero e impacciato che interpreta un ruolo tutt'altro che marginale..  Lui e il suo rock conquistano buona parte della platea, Spugna e il resto della ciurma fanno il resto!
E che dire di Trilly, la fatina dispettosa? Bellissima e realistica la realizzazione del raggio laser che le da vita.. e incredibile la partecipazione del pubblico nell'urlare " Io Credo nelle fate, io credo nelle fate" ... perche ogni volta che che un bimbo dice: 'Io non credo alle fate', c'è una fatina che da qualche parte cade a terra morta, quindi «Se credete alle fate», urlò Peter, «battete le mani. Non lasciate che Campanellino muoia»..

Immancabili anche gli auguri a Rossella Urru per il suo compleanno ( anche se fatti con un giorno di ritardo) il tutto incorniciato da scrosci di applausi del pubblico per i 25 attori protagonisti! Uno spettacolo fresco, scorrevole e divertente.. Perche anche gli adulti possono, quando vogliono, immergersi in un mondo di cartoni e tornare, anche se per poco, bambini.

E cosi dopo la seconda stella a destra abbiamo trovato un mondo incantato, fatto di sirene, pellerossa, bimbi sperduti e pirati, di polveri scintillanti, e magie fatate, una favola al limite tra realtà e immaginazione perché d'altronde si sa.. "ogni favola è un gioco... ed è vera soltanto a metà."

 

 

 


Daniela Oggiano

 
 
 
 

Calendario appuntamenti